Epernay e i suoi vigneti
Enoturismo,  Europa,  Francia

Epernay: cosa vedere nella vera capitale della Champagne

Epernay è una piccola cittadina immersa nella regione della Champagne, a 150 km da Parigi. Chi si spinge fin qui lo fa unicamente per omaggiare le bollicine più famose al mondo. Il paese, infatti, non possiede grandi attrattive turistiche ma è considerato il luogo “dove la storia dello champagne ebbe inizio”.

Ciò che caratterizza Epernay è la sua eleganza: palazzi rinascimentali, ville borghesi e – ovviamente – numerose maison di Champagne. Non a caso, infatti, tutti questi luoghi sono stati inseriti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

La città di Epernay
La città di Epernay

Numeri e curiosità su Epernay

Epernay è popolata da circa 25.000 abitanti ed è completamente circondata da vigneti; vanta oltre 100 km di cantine sotterranee, ubicate a decine di metri di profondità, e centinaia di milioni di bottiglie protette dalla luce e dal caldo.

Durante i periodi di guerra le cantine di Epernay sono state utilizzate come “rifugi” e sono quasi tutte sopravvissute nei secoli. L’unica ad aver subito un grave danno è stata la cantina di Pol Roger che, all’inizio del 1900, è collassata seppellendo più di un milione di bottiglie.

Statua di Dom Perignon
Statua di Dom Perignon

Cosa vedere a Epernay

Avenue de Champagne

La prima cosa da fare una volta giunti ad Epernay sarà passeggiare in Avenue de Champagne. La via, lunga circa 1 km, è il domicilio di moltissime maisonMoët & Chandon, Perrier-Jouë, Boizel, De Venoge, Pol Roger – quasi tutte visitabili a pagamento e su prenotazione.

Dicono che Avenue de Champagne sia una delle vie più “ricche” del mondo. Vi siete mai chiesti il perché? La prima risposta potrebbe essere per via dei numerosi palazzi antichi che la costeggiano. Giusto ma non abbastanza!!! In realtà la vera ricchezza sta proprio sotto i piedi di chi la percorre. Nelle sue cantine sotterranee sono conservate centinaia di migliaia di bottiglie di champagne dal valore inestimabile.

Avenue de Champagne, Epernay
Avenue de Champagne, Epernay

Musée du vin de Champagne et d’Archéologie régionale

All’interno di Château Perrier, ex residenza privata e cantina della maison Perrier-Jouët, è stato istituito il Museo della Champagne, un percorso multimediale e interattivo adatto ad ogni tipo di pubblico. Le collezioni illustrano e spiegano la ricchezza di questo patrimonio culturale e sono suddivise in quattro tematiche:

  1. Il sottosuolo calcareo della Champagne
  2. Le tracce lasciate dall’uomo in Champagne
  3. La creazione e la storia del vino
  4. Mecenati ed esploratori del XIX secolo e della Belle Époque
Museo della Champagne, Epernay
Museo della Champagne, Epernay

Notre Dame d’Epernay

La chiesa neogotica della città e stata più volte ricostruita a causa delle molteplici guerre che l’hanno distrutta o depredata. All’interno troverete qualche vetrata colorata e alcune statue insolite. Non mi ha entusiasmata ma merita comunque una breve sosta.

Cosa vedere nei pressi di Epernay

Hautvillers

Hautvillers è un piccolo borgo ubicato a meno di 10 km di distanza dal centro di Epernay. Qui troverete l’abbazia benedettina di Saint- Pierre d’Hautvillers dove, nel 1688, il giovane monaco Dom Pierre Pérignon iniziò il processo produttivo dello champagne, assemblando le uve Pinot Noir, Pinot Meunier e Chardonnay. Oggi nell’abbazia è presente la tomba del monaco benedettino, venerato dagli amanti delle bollicine come una vera divinità. In città troverete anche moltissime maison familiari e piccoli locali destinati alle degustazioni. Tra questi vi consiglio di visitare la boutique di Fedykalbergatori e giovani produttori di champagne – e il Bar à Bulles di Marion Bossernella via principale del paese.  Vi segnalo, infine, che la cantina Dom Pérignon è visitabile solo su invito.

Abbazia benedettina di Saint- Pierre d’Hautvillers
Abbazia benedettina di Saint- Pierre d’Hautvillers

Ay

Pochi km a est rispetto alla cittadina di Epernay troverete Ay, un altro piccolo paese dedicato esclusivamente alla produzione dello Champagne. Le sue case a graticcio e i suoi vigneti la rendono una meta ambita per una passeggiata romantica. Tuttavia, il motivo principale che vi spingerà qui sarà la presenza di altre importanti maison di champagne.

Ay e i suoi vigneti
Ay e i suoi vigneti

Dove mangiare e dormire a Epernay

Epernay possiede alberghi “per tutte le tasche”. Se, come me, preferite investire i vostri soldini in bottiglie di champagne vi consiglio di dormire nella storica catena Ibis. L’Ibis Épernay Centre-Ville è fornito di tutti i confort necessari per un piacevole soggiorno in città. Se, invece, avete a disposizione un budget “più importante” prenotate una stanza all’interno del 25bis by Leclerc Briant, in Avenue de Champagne. Una casa rinascimentale, in cui sono state ricavate 5 stanze, che offre fantastiche colazioni, camere sontuose e personale ineccepibile.

Ristorante Symbiose, Epernay
Ristorante Symbiose, Epernay

Per cena affidatevi all’intramontabile guida Michelin e prenotate un tavolo al Ristorante Symbiose. Non ha la stella ma la meriterebbe, se non altro per il menù ricercato e per l’ottimo servizio. Peccato per l’arredamento del locale che andrebbe rinnovato per raggiungere l’eccellenza. Qui potrete scegliere tra un menù da 48 euro e uno da 64 euro. Consiglio vivamente di provare il prosciutto crudo con fichi, il filetto di quaglia e il dessert al cioccolato e limone.

Come raggiungere Epernay

Per raggiungere Epernay dall’Italia avete due alternative. La prima, più semplice, è volare su un aeroporto di Parigi e noleggiare una macchina. La seconda, più impegnativa, è guidare fino alla regione della Champagne. I pro e i contro? Se utilizzate la vostra macchina potrete portare a casa tutto lo champagne che desiderate ma il viaggio risulterà sicuramente molto più stancante.

Epernay e i suoi vigneti
Epernay e i suoi vigneti

Se amate lo champagne…

Se amate lo champagne non vi resta che leggere il mio articolo sulle maison da visitare ad Epernay e dintorni. Infine, non potrete lasciare questa regione senza aver visitato la città di Reims e le sue crayères.

2 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.