Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene: cosa vedere.
Italia,  Veneto

Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene: cosa vedere

Nel luglio del 2019 le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono diventate Patrimonio dell’Umanità UNESCO. In quest’articolo vi parlerò di cosa vedere nella provincia di Treviso, a poco più di un’ora da Venezia, dove la sinergia tra uomo e ambiente ha creato un panorama unico al mondo: 120 chilometri di vigneti che sembrano non avere mai fine, sorvegliati dalle vicinissime Dolomiti.

La zona di Valdobbiadene e Conegliano è conosciuta in tutti i continenti per la produzione vinicola. Il distretto offre percorsi tematici dedicati al vino, itinerari enogastronomici e degustazioni guidate. Tuttavia, il Prosecco non è l’unica attrattiva della zona; nascosti tra le colline troverete anche castelli, chiese, borghi e mulini.

I vigneti di Conegliano e Valdobbiadene
I vigneti di Conegliano e Valdobbiadene

Cosa vedere tra Valdobbiadene e Conegliano

In quest’articolo vi parlerò di 9 luoghi turistici imperdibili e vi racconterò che cosa vedere tra le colline di Conegliano e Valdobbiadene. Se tra di voi c’è qualcuno interessato solo al vino, suggerisco di saltare questo capitolo e passare direttamente all’articolo riguardante le cantine di Prosecco.

Valdobbiadene

Valdobbiadene è il paese simbolo dell’importante Strada del Prosecco e lo è – in primis – perché, con Conegliano, conferisce il nome a questo meraviglioso anfiteatro naturale. Il centro non mi ha entusiasmata ma vi direi che merita comunque una sosta, anche solo per dire di esserci stati. Tra le attrattive da visitare troviamo il campanile e il Duomo di Santa Maria Assunta – in Piazza Marconi, Villa dei Cedri, la casa di Nicolò Bocassino e la Chiesa di San Gregorio Magno in Colderove. Tuttavia, forse, il vero richiamo è dato dalle numerose botteghe ed enoteche che vendono i migliori prodotti enogastronomici della zona.

Piazza Marconi, Valdobbiadene
Piazza Marconi, Valdobbiadene

Cison di Valmarino

Lungo la Strada “Alta” del Prosecco incontrerete uno dei “borghi più belli d’Italia”. Il suo nome è Cison di Valmarino ed è famoso per la presenza di numerosi mulini e giochi d’acqua. Da qui parte una piacevole camminata di circa 6 km lungo il fiume Rujo che attraversa piccole cascate e ponticelli. Oltre a questo, la cittadina di Cison di Valmarino è sede del famosissimo Castelbrando, uno dei più grandi e antichi castelli d’Europa oggi riconvertito ad hotel di lusso. Per coloro i quali non potessero o volessero alloggiare all’interno della struttura, sarà comunque possibile visitarla accedendo al parco e ammirandone gli interni e il museo. L’attrazione più spettacolare resta la vista a 360 gradi sulle colline di Valdobbiadene.

Cosa vedere tra Valdobbiadene e Conegliano: Castelbrando
Cosa vedere tra Valdobbiadene e Conegliano: Castelbrando

Osteria Senz’Oste

Una tappa “obbligata” a pochi km dal centro di Valdobbiadene è l’Osteria Senz’Oste. Il primo buon motivo per fermarvi è dato dal panorama. Il casolare ottocentesco che ospita l’osteria si trova a Santo Stefano, un paesino che domina le colline di Valdobbiadene. La particolarità di questa locanda è data dal fatto che il servizio è completamente inesistente. Gli ospiti devono servirsi autonomamente, farsi lo scontrino e pagare. Una formula, quindi, unicamente basata sulla fiducia. Il fascino di questo posto richiama centinaia di viaggiatori da tutto il mondo e conquista qualsiasi tipologia di turista. I prodotti vengono consumati su tavolini di legno mentre, per i più organizzati, vi è la possibilità di portare una tovaglia e improvvisare un picnic.

Molinetto della Croda

Se amate i mulini antichi, non potrete fare a meno di fermarvi nei pressi di Refrontolo. Qui troverete il Molinetto della Croda, risalente al XVI secolo e recentemente restaurato. È possibile visitare l’interno della struttura e vedere come viene macinata la farina di mais. Tuttavia, il richiamo principale è dato dalla cornice naturale in cui è inserito.

Cosa vedere tra Valdobbiadene e Conegliano: Molinetto della Croda
Cosa vedere tra Valdobbiadene e Conegliano: Molinetto della Croda

Col San Martino

Col San Martino è un paesino che, oltre ad ospitare la Cantina Merotto – di cui vi parlerò nell’articolo dedicato alle cantine del Prosecco – vanta ben due edifici religiosi. Il primo si chiama Chiesa di San Vigilio e consiste in una minuscola cappella del X secolo con un imponente campanile che domina le vallate sottostanti. Il secondo si chiama Tempio di S. Martino ed è un esempio di architettura novecentesca. Qui è possibile chiedere a San Martino la grazia di avere figli, pescando da un’urna un fogliettino contenente il nome che si dovrà dare all’eventuale nascituro.

Cosa vedere tra Valdobbiadene e Conegliano: Col San Martino
Cosa vedere tra Valdobbiadene e Conegliano: Col San Martino

Castello dei Collalto

A Collalto, frazione di Susegana, troviamo il Castello di San Salvatore, conosciuto anche come Castello dei Collalto. La residenza appartiene ancora a questa nobile famiglia, dedita alla produzione vinicola e all’ospitalità. Dell’antica fortezza sono rimaste intatte solo la torre principale e le cinta murarie. Vi consiglio di lasciare la macchina al parcheggio e improvvisare una piacevole camminata. Il Castello di San Salvatore è soprattutto uno dei relais più belli delle colline di Conegliano ed è la struttura che anch’io ho scelto per il mio soggiorno. È possibile dormire nel Borgo del Castello o in una delle Suite all’interno del Palazzo.

Cosa vedere tra Valdobbiadene e Conegliano: il Castello dei Collalto
Cosa vedere tra Valdobbiadene e Conegliano: il Castello dei Collalto

Conegliano

Conegliano è uno dei comuni più popolati di tutta la zona ed è incastonato tra le montagne e la pianura, a pochi km dal Friuli. Anche questa città, come Valdobbiadene, fa parte della famosissima Strada “Bassa” del Prosecco e si conferma una meta vinicola eccellente per via, soprattutto, della sua scuola enologica. Qui hanno luogo numerosi eventi dedicati al vino, tra cui segnalo la Festa dell’uva di fine settembre. A Conegliano potrete visitare il Castello con il suo Museo Civico, Villa Gera, Piazza Cima con il palazzo del Comune e il Teatro dell’Accademia, l’ex convento di San Francesco e il Duomo decorato con affreschi raffiguranti scene bibliche.

Asolo

Asolo non fa parte dei 120 km di vigneti e paesini appartenenti alle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Tuttavia è anch’esso un comune della provincia di Treviso, uno dei “borghi più belli d’Italia” e può vantare una produzione vinicola che non ha nulla da invidiare a quella della vicina area di Valdobbiadene. Asolo è stata definita da Carducci “una città dai 100 orizzonti” per via della sua posizione strategica e panoramica sulle vallate circostanti. I luoghi da visitare sono tantissimi ma voglio citarvi solo i più importanti: Piazza Garibaldi, con la sua meravigliosa fontana del leone; Via Browing, con il suo porticato e i negozi d’artigianato più belli di tutta la provincia; Rocca Braida, il punto di riferimento visivo della città; Castello di Caterina Cornaro, con un bar molto panoramico. Oltre a questo, la città di Asolo è legata alla vita di tre grandi donne: Caterina Cornaro, regina di Cipro e Gerusalemme; Eleonora Duse, attrice teatrale italiana; Freya Stark, scrittrice e fotografa inglese.

Asolo, uno dei borghi più belli d'Italia
Asolo, uno dei borghi più belli d’Italia

Vale il viaggio

Inerpicandovi a Monfumo, a pochi km da Asolo, troverete un ristorante davvero sorprendente. L’Osteria alla Chiesaa dispetto del nome e della location – vanta una brigata e delle proposte gastronomiche degne di un ristorante stellato. Potrete scegliere fra tre menù degustazione da 5 – 7 o 9 portate, specificando eventuali intolleranze. Da lì inizierà il vostro viaggio in CUCINA, intesa come acronimo di Cotture, Umore, Creatività, Identità, Natura e Amore per gli alimenti. Per un’esperienza a 360° non perdetevi l’abbinamento dei piatti con i vini, consigliati dal loro sommelier. Vale il viaggio.

Ristorante Osteria alla Chiesa
Ristorante Osteria alla Chiesa

Il nostro viaggio tra le colline di Conegliano e Valdobbiadene non è ancora terminato. Dopo aver scoperto cosa vedere in quest’area diventata Patrimonio dell’Umanità UNESCO, non resta che approfondire un argomento che interessa moltissimi dei miei lettori: le cantine del Prosecco. Se invece preferite concentrarvi sulle città venete vi consiglio di leggere il mio articolo sulla vicina Verona.

3 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.