La modaiola Tel Aviv
Asia,  Israele,  Luxury

La modaiola Tel Aviv

L’indole modaiola della città di Tel Aviv è stata una scoperta graduale.

“Atterrata all’aeroporto e giunta nel centro di questa metropoli sono stata negativamente colpita dall’atmosfera spettrale che mi circondava. In breve tempo ho capito però di essere capitata in città nel giorno e nell’orario più sbagliati della settimana. Il Sabato in Israele è il corrispettivo della nostra Domenica e al mattino le vie del centro sono deserte. Su suggerimento del personale dell’hotel in cui alloggiavo ho preso un telo mare e mi sono spostata sulla spiaggia.”

In poco meno di un’ora credevo di essere a Miami.

Vista su Tel Aviv
Vista su Tel Aviv

Con questo breve aneddoto inizio la descrizione di questa città che ha tanto da offrire a un pubblico giovane e con molta voglia di divertirsi. Le attrazioni culturali e turistiche non sono moltissime perché la città ha poco più di un centinaio di anni. Chi viene a Tel Aviv lo fa principalmente per l’indole festosa e modaiola dei suoi abitanti, per l’eterogeneità e la tolleranza razziale e culturale e perché questa città ospita il maggior numero di start-up e cervelli in fuga di tutto il continente asiatico, facendo concorrenza alla famosa “Silicon Valley” americana.

Surfisti sulla spiaggia di Tel Aviv
Surfisti sulla spiaggia di Tel Aviv

Camminando nelle strade di Tel Aviv vi accorgerete subito che gli edifici in stile Bauhaus fanno da padroni sul panorama architettonico globale. Non è un caso, infatti, che la metropoli venga chiamata anche “città bianca”. Ultimamente, oltre all’architettura, hanno iniziato a comparire anche i primi graffiti d’autore che stanno spopolando in tutta la città. Divertitevi quindi a scoprire entrambe le cose.

Edificio Bauhaus, Tel Aviv
Edificio Bauhaus, Tel Aviv
Graffiti, Tel Aviv
Graffiti, Tel Aviv

Come muoversi

Tel Aviv è la città dei monopattini che vedrete sfrecciare ovunque. Se siete in grado di guidarli vi consiglio di scaricare l’app e muovervi con questo mezzo a due ruote, da veri local. La sera potrete spostarvi tranquillamente in taxi o con Uber che qui funziona perfettamente. Ricordatevi che dal venerdì pomeriggio al sabato sera tutti i mezzi pubblici si fermano per lo shabbat.

Monopattino cittadino
Monopattino cittadino

Cosa vedere

Centro città

La zona del centro culturalmente ha poco da offrire rispetto alle grandi metropoli internazionali. Tuttavia vi consiglio una passeggiata lungo Rothschild Blvd fino a HaBima Square con una visita al Museum of Art di Tel Aviv. Da lì, passeggiando per altri 15 minuti, sarà facile raggiungere la famosa Dizengoff Square in cui domina una bellissima fontana. Nei pressi di questa piazza le vie King George St e Dizengoff St ospitano i centri commerciali e i negozi più famosi della città. Da non perdere infine il Carmel Market, un suk coloratissimo all’interno del quale troverete ogni tipo di alimento. L’ingresso principale è riconoscibile per via dell’installazione di ombrelli colorati che formano un’originale tettoia.

Carmel Market, Tel Aviv
Carmel Market, Tel Aviv
Dizengoff Square, Tel Aviv
Dizengoff Square, Tel Aviv

Neve Tzedek e Florentin

Neve Tzedek è la zona più antica e caratteristica di Tel Aviv. Ricorda vagamente i quartieri bohemien francesi ed è ricca di ristoranti, caffè e botteghe artigianali. Florentin invece la definirei più come la zona shabby chic della città, in quanto è frequentata soprattutto da artisti, designer e writer.  Entrambe sono molto vive nelle ore serali, quando gli abitanti di Tel Aviv saltellano da un locale all’altro.

Neve Tzedek, Tel Aviv
Neve Tzedek, Tel Aviv

Spiaggia e porto

Salvo per i brevi mesi invernali, gli abitanti di Tel Aviv sfruttano molto la zona costiera, il lungomare e le spiagge. I più sportivi sono soliti praticare qualsiasi tipo di attività all’aperto, sfruttando le numerose aree attrezzate messe a disposizione dalla città. Gli amanti della tintarella si riversano invece nei servitissimi lidi che occupano la spiaggia. State attenti perché ogni zona costiera corrisponde a un utilizzo dei lidi differente. Ci sono spiagge per cani, per famiglie, per giovani che giocano a racchettoni, per amanti del surf e windsurf, etc.. Inoltre non poteva mancare la zona del porto, ricca di bar, discoteche e negozi.

Tramonto sulla spiaggia di Tel Aviv
Tramonto sulla spiaggia di Tel Aviv
Faro di Tel Aviv
Faro di Tel Aviv
Hilton Beach, Tel Aviv
Hilton Beach, Tel Aviv

Giaffa

La città vecchia di Giaffa è sicuramente la parte culturalmente più affascinante di tutta Tel Aviv. Il suo stile arabo, i vicoli in pietra, le gallerie d’arte e i negozietti la rendono il luogo perfetto dove trascorrere un’intera giornata.  

L’ingresso è delimitato dalla torre dell’orologio e dalle mura antiche che costeggiano il mare. Salendo le scalinate della città fortificata vi consiglio di non perdervi i panorami che potrete ammirare dal Monastero di San Pietro e dalla galleria d’arte di Ilana Goor, all’interno della quale sarete positivamente colpiti da una serie di sculture e quadri che raccontano la vita di questa collezionista.  Se amate i luoghi all’aperto non potrete fare a meno di passeggiare in uno dei porti più antichi del mondo mentre se amate lo shopping dovrete per forza fare un salto al mercato delle pulci chiamato Jaffa Flea Market. Qui troverete oggetti kitsch, abbigliamento usato e cianfrusaglie di qualsiasi tipo.

Tramonto su Giaffa
Tramonto su Giaffa
Torre dell'orologio, Giaffa
Torre dell’orologio, Giaffa
Panorama su Giaffa
Panorama su Giaffa

Dove mangiare

A livello gastronomico Tel Aviv è stata la migliore scoperta degli ultimi 5 anni. I locali si caratterizzano per modernità, creatività e un livello di servizio eccellente. Qui di seguito troverete alcuni indirizzi da non perdere.

Benedict

In questo locale assaggerete le migliori colazioni della città. Preparatevi ad affrontare una lunga coda ma ne varrà sicuramente la pena. Da Benedict ho mangiato i pancake più buoni della mia vita, escludendo ovviamente quelli statunitensi. Oltre ai dolci questo ristorante prepara ogni tipologia di piatto salato a base di uova e ottimi caffè americani. Da segnalare il fatto che resta aperto h24.

Ristorante Benedict, Tel Aviv
Ristorante Benedict, Tel Aviv

Taizu

Inizierò subito parlandovi del suo unico difetto. Questo ristorante è molto caro. A parte la premessa negativa, l’esperienza non potrà che essere eccellente. I menù originalissimi sono ancorati ai 5 elementi dell’antica filosofia cinese: fuoco, acqua, metallo, legno e terra. I sapori e la proposta culinaria si basano su una reinterpretazione degli street foods asiatici, rivisitati in chiave ultra moderna. L’arredamento è in stile “asiatic chic” con luci soffuse e diversi ambienti arredati sempre tenendo conto dei 5 elementi chiave del locale. La nostra scelta è ricaduta sul bancone ed è stata un’ottima idea perché abbiamo avuto modo di vedere i barman all’opera e farci suggerire qualche cocktail per accompagnare le pietanze.

Ristorante Taizu, Tel Aviv
Ristorante Taizu, Tel Aviv

Popina

Uno dei ristoranti più famosi di Neve Tzedek si chiama Popina. Il suo menù è suddiviso per tipologia di cottura e non per portata. I piatti sono creativi e, tra gli altri, segnalo una “finta” pizza con pesce crudo, una tartare al gin tonik, gli hamburger di gamberetti e un souffle di cioccolato da togliere il fiato. Il ristorante è piccolo e i tavoli sono molto stretti. La cucina è a vista e, come al solito, consiglio di prenotare un posto al bancone per ammirare gli chef all’opera.

Ristorante Popina, Tel Aviv
Ristorante Popina, Tel Aviv

Dallal

Il secondo ristorante che vorrei segnalarvi nel quartiere di Neve Tzedek è il Dallal, un locale in stile europeo ubicato all’interno di una casa con uno splendido dehor. L’ambiente romantico e il servizio vi faranno sentire come a casa. La cucina è buona ma purtroppo i piatti non sono particolarmente creativi e, a volte, non ne giustificano i prezzi elevati. Recuperano alla grande però con la lista dei cocktail.

Dalida

Il Dalida si trova nel quartiere Florentin, in una zona abbastanza defilata, e propone piatti della tradizione ebraica rivisitati. Ottime le proposte vegetariane e porzioni abbondanti. Vi consiglio di ordinare più portate e dividerle con un altro commensale. Servizio non molto curato ma personale veramente simpatico e cordiale. Il locale è un po’ buio e decisamente eccentrico, sia nell’arredamento che nella scelta della “mise en place”.

Raisa

Un giovane ristorante aperto da poco più di un anno nel quartiere di Giaffa. Il menù propone piatti tipici della cultura israeliana presentati in maniera originale. Qui ho mangiato una delle migliori insalate della vacanza, accompagnata da un polpo arrostito a regola d’arte. Il servizio è ottimo e, per coccolare i clienti, sono soliti portare un piatto extra da far assaggiare a tutto il tavolo.

Ristorante Raisa, Tel Aviv
Ristorante Raisa, Tel Aviv

Dove dormire

La scelta della zona dipende dalle vostre esigenze. Se siete venuti in città per stare in spiaggia scegliete uno dei tanti modernissimi hotel vista mare. Se volete uscire la sera e tornare a piedi optate per la zona del centro. La varietà e la qualità delle strutture è decisamene alta.

Se amate gli ambienti di design e volete supportare un marchio israeliano, vi suggerisco di optare per un hotel della catena Atlas. Presente in tutti i luoghi principali della regione, questo marchio offre sistemazioni lussuose e curate in ogni minimo dettaglio, nonché strutture dedicate a singole tematiche.

A Tel Aviv sono proprietari di ben 11 alberghi tra i quali ho scelto lo Yam Hotel, a due passi dal porto e a soli 200 metri dalla spiaggia. Le camere vista mare richiamano un po’ l’interno di una nave. In ogni stanza troverete racchettoni, ciabatte e altri piccoli gadget che vi invoglieranno a trascorrere una giornata sulla spiaggia.

Atlas Yam Hotel, Tel Aviv
Atlas Yam Hotel, Tel Aviv

Tra le strutture della catena consiglio anche il Cinema Hotel, nella famosa Dizengoff Square, all’interno del quale tutto vi ricorderà il tema della struttura, ricavata dalla ristrutturazione di una vecchia sala di proiezione.

L’altro hotel in cui ho alloggiato è il The Vera, una location imperdibile per chi ama l’architettura e il design. Ubicata a due passi dalla via più animata della città questa struttura modernissima punta sicuramente sugli spazi condivisi, l’attenzione al cliente e la professionalità del personale. A qualsiasi ora del giorno e della notte gli ospiti hanno a disposizione gratuitamente succhi, vino e piccoli snack. La hall e la terrazza sono ambienti incredibili dove poter lavorare o scambiare quattro chiacchiere con altri ospiti dell’hotel. Davvero un posto unico.

The Vera Hotel, Tel Aviv
The Vera Hotel, Tel Aviv

Vita notturna

La vita notturna di Tel Aviv è in grado di competere con le più grandi metropoli del divertimento. Nonostante le buone intenzioni non siamo mai riusciti a rientrare in hotel prima delle 3 di notte. Qui di seguito alcuni indirizzi utili per vivere le ore notturne nella città che non dorme mai.

Hilton Beach

Al tramonto il luogo di ritrovo per tutti i giovani che vogliono ascoltare della buona musica e bere un cocktail è il beach bar dell’hotel Hilton. Non andatevene da Tel Aviv senza aver trascorso almeno una serata in questo locale.

Port Sa’id

Frequentato quasi esclusivamente da israeliani, il Port Said è uno dei locali più popolari di Tel Aviv dove bere un cocktail e ascoltare dell’ottima musica Hip Hop.

Port Sa'id, Tel Aviv
Port Sa’id, Tel Aviv

Sputnik Bar

All’apparenza potrebbe sembrare un classico dehor in cui consumare un cocktail in compagnia. In realtà al suo interno nasconde una saletta in stile hipster all’interno della quale ascoltare dell’ottima musica techno suonata da dj molto competenti. La selezione all’ingresso non è particolarmente rigida e il divertimento è assicurato.

Kuli Alma

Un locale dalle mille anime in cui puoi ballare, chiacchierare, ascoltare musica o semplicemente berti una birra. Al suo interno troverete una galleria d’arte, un negozietto vintage e tanti angoli arredati in maniera davvero originale. Da segnalare una minuscola saletta in cui suonano musica revival e in cui si balla senza sosta. Purtroppo, come in molti altri locali israeliani, è permesso fumare ovunque.

Kuli Alma, Tel Aviv
Kuli Alma, Tel Aviv

Zoo Zoo Bar

Un locale tamarro ma divertente in cui passare un’oretta ballando sul bancone e facendosi preparare un cocktail dai simpatici baristi che, ogni tanto, lanciano finte banconote e aria compressa sul pubblico in sala. La clientela è molto giovane.

Pasaz

Il Pasaz, nascosto in un sotterraneo di Allenby St, è un club che offre una vasta gamma di musica. L’ambiente è decisamente industrial, non pretenzioso ma allo stesso tempo non banale. E’ una tappa che vi consiglio di fare in chiusura della vostra serata, come ultimo locale prima di andare a dormire.

Pur non essendo un’amante delle discoteche vi segnalo il The Block, il più grande club di Tel Aviv, e il Noho Club, frequentato da giovani alla moda e belle ragazze.

Israele, vicolo di Giaffa
Israele, scorcio di Giaffa

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *